Normativa

L'Alzheimer e le proprietà famigliari

L'Alzheimer e le proprietà famigliari

Di recente ho letto una statistica sconcertante: nel 2010 più di 5 milioni di persone avevano l'Alzheimer [negli Stati Uniti], numero che le previsioni danno a 19 milioni entro il 2050. Provenendo da una famiglia devastata dalla malattia, è difficile e frustrante per me immaginare cosa sopporteranno le persone con quella statistica incombente.


Anche se è chiaro che Alzheimer e demenza pongono sfide significative per le famiglie, le relazioni, e la società nel suo complesso, queste malattie rappresentano anche una minaccia unica nell'ambito della pianificazione delle proprietà.


In primo luogo, la maggior parte delle persone non vuole pensare a fare... [Leggi tutto]

Linee guida USA per scansioni cerebrali dell'amiloide nell'Alzheimer

Linee guida USA per scansioni cerebrali dell'amiloide nell'Alzheimer

Solo da poco è possibile creare immagini di alta qualità delle placche cerebrali tipiche dell'Alzheimer nelle persone viventi, attraverso la tomografia ad emissione di positroni (PET). Eppure non è ancora chiaro cosa si può capire da queste immagini PET e chi dovrebbe essere sottoposto al test.

Per fornire una guida ai medici, agli individui e alle famiglie colpite dall'Alzheimer e al pubblico, la Società di Medicina Nucleare ed Imaging Molecolare (SNMMI) e l'Alzheimer's Association hanno pubblicato congiuntamente la prima edizione dei criteri per un uso appropriato di questa tecnologia di imaging, per facilitare la diagnosi di persone con probabile Alzheimer.


I... [Leggi tutto]

Problemi anche agli intermediari finanziari dall'aumento della demenza nei clienti anziani

Problemi anche agli intermediari finanziari dall'aumento della demenza nei clienti anziani

(Reuters) - Prendere istruzioni da clienti anziani, la cui capacità mentale è in declino, causa ai brokers [intermediari finanziari] di Wall Street alcuni problemi difficili.

Tra questi c'è l'istruzione via telegramma su un conto bancario estero che si pensa appartenga ad un truffatore oppure famigliari o autorità che si lamentano dopo anni di operazioni irregolari di un cliente.


Sono sfide che gli intermediari di Wall Street devono prepararsi ad affrontare nel momento in cui onde dei circa 77 milioni di baby boomer di successo raggiungono l'età pensionabile nel corso dei prossimi due decenni. Il più anziano di essi ha compiuto 65... [Leggi tutto]

"Ragionevolezza" e demenza

Il diritto civile si fonda sul presupposto che i membri della comunità devono agire secondo ragione nelle loro interazioni con gli altri.

Non tutti gli incidenti possono essere evitati; alcuni sono semplicemente incidenti veri che dipendono da circostanze fortuite. Ma questi incidenti sono l'eccezione.


Se si analizzano in profondità, molti incidenti che causano danni includono condotta irragionevole da una, due, o molte parti diverse. Capire quella irragionevolezza e cercare di compensare coloro che provocano il danno è la radice del diritto civile. Questo è vero in tutti gli ambienti, compresa l'assistenza agli anziani.


Un equivoco, tuttavia, si riferisce alla valutazione... [Leggi tutto]

Cronici, Alzheimer e demenza senile: è esigibile il diritto alle cure

In attesa che le Regioni approvino le norme attuative dei LEA (Livelli Essenziali di Assistenza), che dovranno garantire i sostegni necessari alle cure domiciliari, già adesso le disposizioni vigenti consentono alle persone colpite da patologie invalidanti croniche, da Alzheimer o da altre forme di demenza senile - circa un milione di Cittadini italiani - di opporsi alle dimissioni nella struttura in cui sono ricoverate e di far valere il proprio diritto alla prosecuzione delle cure.

In base al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM) del 29 novembre 2001 (Definizione dei livelli essenziali di assistenza) - le cui norme... [Leggi tutto]

Congedi retribuiti ai coniugi: istruzioni INPS

L'INPS, con propria Circolare 112 del 3 agosto 2007, ha provveduto a "recepire" le indicazioni della Sentenza 158/2007 della Corte Costituzionale, fornendo al contempo altre precisazioni di carattere generale.

Se desiderate un approfondimento, avere maggiori precisazioni, informazioni sui casi pendenti e nuovi moduli potete prendere visione del documento direttamente nel sito Handylex.

Congedi retribuiti di due anni al coniuge

La recente sentenza della Corte Costituzionale n. 158 del 18 aprile 2007, depositata l '8 maggio, ha esteso la possibilità di fruire dei congedi retribuiti di due anni anche al coniuge di una persona con handicap gravi.

Fino ad oggi tale opportunità era riservata ai soli genitori o ai fratelli e alle sorelle conviventi con persone con handicap grave, dopo la scomparsa dei genitori o nel caso in cui questi fossero totalmente inabili.

D'ora in poi, invece, i congedi retribuiti dovranno essere concessi anche al coniuge.

Vi invitiamo a prendere visione del documento direttamente nel sito Handylex.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito: